Assegnati i premi di Salva la tua lingua locale


Il 6 febbraio 2015 in Campidoglio. Premio alla carriera al poeta Franco Loi. Tutti i premiati della seconda edizione

Cinque canti della tradizione popolare italiana eseguiti dal “Nuovo Coro Popolare” diretto dal M° Paula Gallardo Serrao hanno aperto la cerimonia di premiazione della seconda edizione del Premio letterario di poesia e prosa edita ed inedita “Salva la tua lingua locale” nella Sala della Protomoteca in Campidoglio il 6 febbraio 2015.

Il presidente nazionale dell’Unpli Claudio Nardocci ha sottolineato come “La Giornata nazionale del Dialetto e delle lingue locali”, la cui terza edizione si è svolta in centinaia di località italiane lo scorso 17 gennaio ha trovato per il secondo anno consecutivo la sua degna conclusione a Roma, capitale delle lingue locali.

Dopo il saluto di Bruno Manzi a nome della Legautonomie Lazio sono intervenuti i professori Tullio De Mauro e Pietro Gibellini, rispettivamente presidente onorario e presidente della Giuria del Premio. Il primo ha esaltato la buona tenuta dei dialetti, frettolosamente dati per estinti e che viceversa trovano una loro rinnovata vitalità nell’uso quotidiano e anche nella eccellente partecipazione di poeti e prosatori nei dialetti d’Italia al Concorso sia da parte di adulti che di ragazzi delle scuole. Pietro Gibellini si è complimentato con gli organizzatori e con i partecipanti del Premio ed ha concluso il suo saluto con la declamazione di un celebre sonetto di Giuseppe Gioachino Belli.

Ha molto emozionato l’intervento della presidente comunale della Commissione Cultura on. Michela Di Biase che, dopo essersi soffermata sulla poetica di Franco Loi, si è dichiarata onorata di consegnare, in rappresentanza del Comune di Roma, un premio alla carriera al “Maestro” Loi, un poeta tra i grandi della letteratura italiana. Il poeta nel ringraziare ha rievocato alcuni versi di Dante Alighieri in cui si parla dell’ispirazione poetica e ai quali ha dichiarato di aver cercato sempre di aderire. Un calorosissimo applauso ha salutato Franco Loi che, commosso, ha ringraziato.

Gabriele Desiderio dell’Unpli, ha poi condotto con perizia e verve le premiazioni degli autori premiati, previa la lettura delle loro traduzioni in italiano ad opera dell’attore e regista Angelo Zito e nei loro dialetti da parte degli stessi autori delle singole sezioni di Prosa inedita ed edita, di poesia inedita ed edita. Le motivazioni dei premi sono state lette da Cosma Siani e nella consegna dei premi si sono alternati anche gli altri membri della Giuria Vincenzo Luciani, Luigi Manzi e Toni Cosenza.

Erano presenti e sono stati premiati i poeti:  Rita Gusso, Loredana Bogliun, Mario D’Arcangelo, Guido Leonelli, Paolo Borghi, Cettina Caliò, Roberto Pagan e gli scrittori: Maria Serrentino, Isidoro Perin, Maria e Luigi Matteo, Grazia Galante, Matteo Nunzi, Adele Terzano, Emanuela Fortuna, Guido Ciolli, Sante Dionede, Valter Peruzzi, Loredana Iole Scalpellini, Roberta Longhi, Giuseppe Emilio Carella.

A seguire, con il loro irrompere festoso, sono stati premiati i ragazzi della nuova sezione Scuola, i vincitori delle altre sezioni introdotte in questa edizione: Musica e Tesi di Laurea.

In conclusione la premiazione Concorso fotografico UNPLI/CANON “La Sagra più bella che c’è”.

Grande la soddisfazione del folto pubblico e dei premiati che hanno posato per foto ricordo nella prestigiosa sala.

A tutti i partecipanti è stato consegnato un opuscolo contenente testi di poesia e prosa dei vincitori e finalisti del Premio Salva la tua lingua locale 2014, pubblicato dalle Edizioni Cofine.

Per vedere la galleria fotografica clicca qui

Per ascoltare alcune poesie recitate dagli autori clicca qui 

 

VINCITORI E FINALISTI DELLA II EDIZIONE DEL PREMIO “SALVA LA TUA LINGUA LOCALE”

 

La Giuria del Premio Nazionale “Salva la tua lingua locale” (presidente onorario Tullio De Mauro), composta da Pietro Gibellini (Presidente),Toni Cosenza, Angelo Lazzari, Franco Loi, Vincenzo Luciani, Luigi Manzi, Cosma Siani, Ugo Vignuzzi ha decretato i vincitori della seconda edizione 2014. Le premiazioni si terranno il 6 febbraio 2015 nella Sala della Protomoteca in Campidoglio a Roma.

Ed ecco i vincitori e i finalisti delle quattro sezioni principali e delle sezioni scuola, tesi di laurea e musica.

POESIA EDITA – 1) Rita Gusso, con Gris de luna, Campanotto, 2013, in dialetto veneto di Caorle (Venezia), 2) Sebastiano Aglieco, con Compitu re vivi, Il Ponte del Sale, 2013, in dial. siciliano di Sortino (Siracusa), 3) Loredana Bogliun, con Graspi, EDIT, 2013 in dial. istroromanzo di Dignano d’Istria.

Altri finalisti, oltre ai vincitori: Angela Bonanno, con Pane schittu, in dial. siciliano, Anna Elisa De Gregorio, con Corde de tempo in dial. di Ancona, Renzo Favaron con Ieri cofà ancuò in dial. veneto, Marino Monti con Int’ e’ zét dal mi calér, in dial. romagnolo, Vito Moretti con La case nen ze chiude in dial. abruzzese, Roberto Pagan, con Robe de no creder, in dial. triestino, Giuseppe Tirotto conCumentisisia t’avaràgghju amà, in sardo-corso, Pier Francesco Uliana con La casa, la léngua e l’armelinèr, in dial. cenedese rustico del Cansiglio (Treviso).

POESIA INEDITA – 1) Mario D’Arcangelo, dial. abruzzese di Casalincontrada (Chieti), 2 ex aequo) Guido Leonelli, dial. trentino e Paolo Borghi, dial. romagnolo, 3) Cettina Caliò, dial. siciliano. Segnalazione: Lino Marconi, dial. lombardo. Altri Finalisti, oltre ai vincitori: Giovanni Benaglio, dial. veneto, Salvatore Lucisano, dial. calabrese, Gianni Martinetti, dial. piemontese, Simone Milesi, dial. lombardo, Augusto Muratori, dial. romagnolo, Sauro Roveda, dial. emiliano, Giacomo Vit, dial. friulano.

PROSA EDITA- 1) Maria Serrentino, con C’era una volta in via Tommaseo…, Prova d’Autore, 2012, in dialetto siciliano, 2 ) Isidoro Perin, con Poca tera tanti sass, Stamperia Provincia di Treviso, 2014, in dial. veneto, 3) Maria e Luigi Matteo con Lu sant’uttrés. Dizionario del dialetto sanvittorese, Ed. Ugo Sambucci, 2014, dialetto di San Vittore nel Lazio (FR).

Segnalati: Diego Manna – Michele Zazzara con Zinque bici, do veci e una galina con do teste, in dialetto triestino e Maria Grazia Galante con Li cunte. Vangelo popolare e racconti veri e verosimili, in dialetto pugliese.
Altri finalisti: Matteo Nunzi, con La vóci dela mìnima, in dial. umbro, Adele Terzano, Adele Terzano con U spusalezie, in dialetto molisano.

PROSA INEDITA, Emanuela Fortuna (dial. piemontese), 2) Guido Ciolli, dialetto di Bassiano (Latina), 3) Sante Diomede, dialetto pugliese.

Altri finalisti: Salvatore Bonventre, dial. cicolano di Pescorocchiano (Rieti), Giuseppe Emilio Carelli, dial. pugliese, Roberta Longhi, dial. lombardo di Quistello (Mantova), Gianfranco Pavesi, dial. piemontese, Valter Peruzzi, dialetto friulano di Manzano (Udine), Loredana Iole Scarpellini, dial. lombardo.

SEZIONE SCUOLA Graduatoria Membri della Giuria E.I.P Italia - Presidente Anna Paola Tantucci

PRIMO PREMIO EX AEQUO ”Silenzio” (dialetto siciliano) poesia di Vincenzo Scalia - Classe 4°I - Casa Circondariale di Larino (CB) "E non ci sono stranieri" (dialetto sardo) poesia di Marika Baldussu I.T.C.G “Ottone Bacaredda “Cagliari

SECONDO PREMIO EX AEQUO “Calabria mia” (dialetto calabrese)poesia di Giovanni Lo Giudice classe 4° H - Casa Circondariale di Larino(CB) “Ehi ,bambini imparate a contare” (dialetto pugliese) poesia della classe 4°A del I Circolo Didattico- G. Falcone Conversano (BA)

TERZOPREMIO EX AEQUO “Il mio cane”poesia (dialetto abruzzese) di Mohamed Lafsahi classe V Scuola Primaria “ Gigante Porto” di Tornimparte (AQ)

 “Tristizza“ (dialetto siciliano) poesia di Laura Alvano classe 5 A Scuola Primaria dell’ I.C “E. De Amicis” -Enna
PRIMO PREMIO SEZIONE PROSA “Il miracolo di Santa Lucia” prosa (dialetto molisano) di Giorgia Tortola classe 3°Scuola Secondaria di I grado di Miranda (IS)

MENZIONI D’ ONORE "Non ti lascio più" (dialetto napoletano) poesia di Stefano Di Giovanni della Casa Circondariale di Larino (CB)

"Baciami" (dialetto napoletano) di Francesco Luigi Frasca classe 1° L Casa Circondariale di Larino (CB)

“Notte di tormento” (dialetto napoletano) poesia di Maurizio Montanino classe 3 L - Casa Circondariale di Larino (CB)

“Malinconia” (dialetto napoletano) poesia di Biagio Nocerino classe 5° Casa Circondariale di Larino (CB)

“La natura” poesia Daniel Colaiuda classe V Scuola Primaria “ Gigante Porto” di Tornimparte (AQ)

“Solo io e te”, suli io e tia (calabrese) Bellocco Carmelo III I Casa circondariale Larino (CB)

SEZIONE MUSICA

Primo) Flavio Parotelli;

Secondo) Beatrice Birardi;

Terzo) Albina Balzano.

SEZIONE TESI DI LAUREA Segnalazione per la tesi di Chiara Bonacci - "Migrare dal Sud alla Toscana negli anni Novanta - Proposta per un’indagine socio-linguistica" (Università di Firenze - A.A. 2013-14).

Per ogni ulteriore informazione o richiesta è possibile scrivere a giornatadeldialetto@unpli.info